ACQUA E CAMPI ELETTROMAGNETICI poche certezze molti misteri

La fisica viene studiata all’inizio del corso di laurea e poi, da molti, trascurata a favore di altre materie. Viene tirata fuori dai cassetti della memoria solo da chi ne riconosce l’utilità nella progettazione e nella realizzazione di strumenti diagnostici. L’utilizzo che l’autore del testo fa della fisica è a livello terapeutico; grazie a una metodologia semplice e banale, i farmaci, cioè prodotti chimicamente attivi, possono essere trasferiti in una soluzione fisiologica e mantenere la loro azione, pur non essendo presente traccia ponderale della sostanza impiegata. Quello dell’autore vuole essere un’idea iniziale, un’intuizione che ha bisogno di verifiche, di conferme e di studi approfonditi. L’autore ne è consapevole e non intende sottrarsi al metodo scientifico; chiede a tutti i medici e ricercatori, alla comunità scientifica di verificare le sue ipotesi, di ripetere i suoi esperimenti, di confermare o negare la validità di una nuova teoria. L’autore fa il suo dovere di medico pubblicando parte del suo sapere per una condivisione pubblica, esponendolo alle critiche e osservazioni di altri studiosi. Questo è il sale della scienza, questo è alla base del metodo scientifico, che è fondato sull’evidenza dei fatti.

Riporto un commento da Amazon dove è possibile acquistare il libro

 

Anteprima google books >>