Inquinamento e salute

Inquinamento 

Nei paesi industrializzati, ma in quest’ultimo periodo anche nei paesi in via di sviluppo, l’impatto delle nuove tecnologie e delle scelte industriali stanno modificando gli stili di vita, con conseguente alterazione del rapporto tra l’uomo e l’ambiente. Tale alterazione si traduce in un aumento delle malattie, in particolare quelle cronico-degenerative sostenute dallo stress ossidativo. Sebbene l’organismo possegga un complesso sistema di omeostasi redox (ossido-riduttivo), a volte questo potrebbe non essere sufficiente perché compromesso dagli inquinanti. A risentirne in maniera particolare è il mitocondrio.
Negli ultimi decenni, l’ambiente in cui viviamo è cambiato ma la genetica non è mutata: per osservare modificazioni a carico dei geni ci vogliono moltissimi anni, per la precisione decine di migliaia. I nostri geni, che erano ben integrati con l’ambiente fino a qualche decennio fa, attualmente potrebbero non “reggere l’impatto” con gli inquinanti esistenti. A pagare il prezzo più alto saranno gli individui più sensibili: bambini e anziani.L’ambiente influenza l’espressione genica, pertanto le modifiche che rapidamente si susseguono a livello ambientale stanno dettando le regole anche alla scienza. Se fino a qualche decennio fa si parlava solo di mutagenesi chimica, oggi è indispensabile, ai fini del progresso scientifico e della ricerca, parlare di mutagenesi ambientale. L’informazione genetica si esprime attraverso la sintesi proteica e i processi di riparazione fanno sì che possa mantenere la sua attività senza variazioni; con la replicazione, tale informazione può essere trasmessa alle generazioni successive. Purtroppo, tutto questo oggi non è più garantito: l’inquinamento ha cambiato le regole del gioco!

Leggi l’articolo integrale >>